Francesco Paolo Frontini (Catania, 6 agosto 1860 – Catania, 26 luglio 1939) è stato un compositore, musicologo e direttore d'orchestra italiano.

«Bisogna far conoscere interamente la vera, la grande anima della nostra terra.
La responsabilità maggiore di questa missione dobbiamo sentirla noi musicisti perchè soltanto nella musica e nel canto noi siciliani sappiamo stemperare il nostro vero sentimento. Ricordatelo». F.P. Frontini

Dedicato al mio bisnonno F. P. Frontini, Maestro di vita. Pietro Rizzo

martedì 15 giugno 2010

L'assenzio e i poeti della rivolta in musica

Per altre vie, avevo formulato l'ipotesi di un contatto di Frontini con l'ultima "scapigliatura" milanese, adesso, grazie a Saverio Fiducia, ho certezza.
..col Fontana col Marenco col Praga junior........| .....chè durante la sua permanenza a Milano e dopo il successo ottenuto dalla prima raccolta di canti popolari Eco della Sicilia che lo rivelò, in ispecie il Marenco gli si era affezionato e gli aveva offerto un libretto tratto dal suo Il Falconiere di Pietra Ardena......

  •  Lucifero/Il canto di Ebe , versi di Mario Rapisardi, per So. o Te. (1883) 
  •  Lauda di suora , versi di Mario Rapisardi, (1889)
  •  Eros , versi di Giovanni Prati, melodia in chi. di sol (1878)
  •  Oblio !, versi di Luigi Gualdo, melodia (1879)
  •  Luna che spunti, versi di Domenico Milelli, (1904)
  •  Il tuo ritratto, versi di Domenico Milelli,(1911) 
  •  Inno delle colonie Italiane, versi di Domenico Milelli, (1912)
  •  Vieni Nerina, versi di Olindo Guerrini, (1878)
  •  Fior di siepe, versi di Olindo Guerrini, pseudonimo Lorenzo Stecchetti,(1878)
  •  S'io fossi, versi di Olindo Guerrini, (1883) 
  •  Tu non m'ami, versi di Heinrich Heine, (1878)
  •  Paggio e Regina ,versi di Heinrich Heine, (1884)
  •  Ama!, versi di Antonio Ghislanzoni, (1898) -
  •  Il Canto di Mignon, versi di Antonio Ghislanzoni, (1898) 
  •  Morta!, versi di Giulio Pinchetti , (1881) -
  •  Libertas! versi di Giulio Pinchetti ,(1866)
  •  Notturno, a due voci, versi di Giovanni Marradi, (1885) -
  •  Voi, sonetto tratto da Preludio, versi di Giovanni Marradi, (1881)
  •  L'amor sen va, lamor sen viene, versi di Iginio U. Tarchetti
  •  Non me lo dir, versi di Iginio U. Tarchetti, (1878)
  •  La ritrosa, versi di Luigi Morandi, (1905)
  •  Il mio poeta , versi di Giacomo Longo, (1883)
  •  Senza Baci , versi della Contessa Lara, (1898)
  •  Baci mortali, versi di Annie Vivanti, (1904)
  •  Nel tempo d'una volta, versi di Leopoldo Marenco, (1905)
  •  I Baci, versi di Alfio Belluso, (1886)
  •  Non pensi ame..., versi di Alfio Belluso, (1893)

« "..tutti amarono l'arte con geniale sfrenatezza; la vita uccise i migliori" »
(Introduzione, cit. p. XXVIII.)