Francesco Paolo Frontini (Catania, 6 agosto 1860 – Catania, 26 luglio 1939) è stato un compositore, musicologo e direttore d'orchestra italiano.

«Bisogna far conoscere interamente la vera, la grande anima della nostra terra.
La responsabilità maggiore di questa missione dobbiamo sentirla noi musicisti perchè soltanto nella musica e nel canto noi siciliani sappiamo stemperare il nostro vero sentimento. Ricordatelo». F.P. Frontini

Dedicato al mio bisnonno F. P. Frontini, Maestro di vita. Pietro Rizzo

venerdì 3 febbraio 2012

Francesco Buccheri detto Boley (poeta e giornalista - Catania, 1878-1961)


Giacchì la me' carusa mi tradìu, 
Comu ricordu a lu so' tradimentu, 
Ju vogghiu dari a tia, litturi miu, 
'Stu libricèddu; e fazzu un juramentu 
Di non stampari cchiù 'sti fissarii 
Pirchì sicura e certu ti siddii. 
Ed ora cumpatiscimi si leggi 
'Sti versi scritti d'unu ca non reggi!
*****


Quando si parla di Francesco Buccheri-Boley non si può tacere che la bruttezza del suo naso contribuiva alla popolarità del poeta, così come ad essa contribuiva altresì il suo pseudonimo Boley che era piaciuto a tutti e particolarmente al ceto popolare a cui Boley, da quell'autentico poeta che era, fu sempre vicino e dal quale fu sempre amato.
Poeta  satirico  dialettale,  piccolo di statura, con occhi da bassotto e baffoni. I suoi versi mordaci colpivano col motto e la sferzata chi non s'adoperava per il bene della collettività.
*
(Risposta - a Crisantemu Rosa.)
Doppu di Rapisarda, cci scummettu, 
Lu secunnu puèta siti vui; 
Però tiniti, amicu, un gran difettu, 
Ca vi lu dicu e 'rresta tra di nui: 
Ca vi sintìti grossu... mentri siti 
Un' acidduzzu 'i virga 'ntra la riti.

Ed ju ccu genti grossi e prufissuri, 
Non cci vurrìssi avìri mai chi fari, 
Pirchì mi scantu ed haju lu timuri 
Di sceccu... comu ad jddi addivintari. 
E giacchì siti, amicu, di 'sti tali, 
Tinitivillu forti... 'ssu tistali !



A seconda dell'ispirazione,  anche lui ha i momenti romantico-sentimentali, allora scrive dei veri e propri canti d'amore.
*
(a la Signurina A... S...)


Quannu lu Signuruzzu fici a Tia,
Senza vulirlu, cridu, appi a sbagghiari; 
Ju mi suppongu chi fari duvìa 
Un' angileddu pri 'ncelu rignari.

Ti desi li biddizzi di 'na Dia,
Ti fici un paru d' occhi pri 'ncantari 
A cu', pri so' furtuna, ti talìa 
Di 'ssa facciuzza li biddizzi rari !

Scrisse,  su giornali e riviste, molte centinaia di poesie, che raccolse in ventuno volumi (Cari ricordi, Tempu persu, Raggia d'amuri, Cosi co' micciu, Mali frusculi, Cannunati, L'ultimi cuzzati, eccetera): con la satira, ben si vede, anche il sentimento. Alcune sue composizioni furono musicate dai maestri Aiello, Lombardo, Reina, Salvatore Pappalardo e Nunzio Tarallo.
Boley amava Catania. Era perciò sempre pronto a difenderla da chiunque le facesse o ne parlasse male. In questo somigliava, si capisce a modo suo, a Saverio Fiducia. Per questo i catanesi gli volevano bene. La popolarità di Boley era fatta del suo amore per Catania e dell'amore dei catanesi per lui. Quando De Felice lo incontrava, si fermava: — oh caro Cicchi!, e lo abbracciava.
*
Lu me ritrattu! « Si sugnu bruttu non ci fari casu! / Quannu mi guardi non ti spavintari! / Si teni moddu lu tò nasu / Guardannu a mia ti lu farà attisari! / Tenimi espostu dintra la tò stanza, / Ti portirò furtuna a tutta ultranza! »




Bibliografia
Catania a zig zag, di F. Granata
Enciclopedia di Catania, ed. Tringale